GONZAGARREDI MONTESSORI, NUOVA SEDE

Correva l’anno 2014 quando l’ambizione del gruppo Fami di Rosà di ampliare l’attuale portafoglio prodotti per la pubblica amministrazione ha cominciato a farsi impresa. Risentita come molte aziende da un calo dei consumi e dalla stretta creditizia, l’ex GonzagArredi, l’unica azienda italiana produttrice di sistemi di arredo multifunzionale accreditata dall’Associazione Montessori Internazionale (A.M.I.), si trovava sola e senza alcun supporto come diverse imprese italiane.

È stato allora che il gruppo vicentino ha deciso di raccogliere la sfida, consapevole e fiducioso dell’ottima qualità delle produzioni di Gonzaga e dell’avanguardia dei propri impianti e processi produttivi, di lunga e consolidata esperienza. A fronte di un importante progetto imprenditoriale senza compromessi, che unisce produzione e cultura, e di un sostanzioso programma di investimenti, il 13 aprile 2015 è stato il giorno dello switch on: Fami ha acquisito l’azienda e ne fa il suo nuovo avamposto mantovano, denominandola GonzagArredi Montessori.

Con l’obiettivo di restituirle il suo antico splendore e la meritata leadership internazionale, oltre agli interventi di ristrutturazione aziendale, il gruppo ha deciso di dare un nuovo impulso alla ripartenza implementando una nuova sede nel palazzo dell’ex Pretura, dove, oltre alla progettazione e realizzazione di materiali scolastici legati al metodo montessoriano (attualmente praticato in tutto il mondo in circa 20 mila scuole di ogni ordine e grado) ha creato un polo culturale e pedagogico destinato a divenire punto di riferimento nazionale sul metodo Montessori con l’allestimento di una ludoteca interna ed esterna, una biblioteca per bambini e ragazzi, una sala convegni per percorsi formativi legati al metodo Montessori e un Museo Montessori.

Acquistato e ristrutturato lo storico fabbricato, la nuova sede di GonzagArredi Montessori è stata ufficialmente inaugurata venerdì 23 settembre 2016 alla presenza della dirigenza Fami, di numerose autorità politiche venete e lombarde, degli architetti che hanno curato il restauro del palazzo e degli esperti event planners che hanno organizzato l’evento in ogni minimo dettaglio.

Dopo la cerimonia del taglio del nastro, presenziata da un’ospite molto speciale giunto dall’Olanda per l’occasione, Carolina Montessori, la pronipote di Maria Montessori, è seguita la visita alla ludoteca, alla biblioteca e al museo, ora pronti ad accogliere anche la cittadinanza.

Durante i loro interventi, l’amministratore delegato di Fami ha evidenziato la tendenza del gruppo ad investire in uno stile imprenditoriale contemporaneo e globale, mentre il sindaco di Gonzaga si è detto soddisfatto di questa operazione che mette assieme impresa e cultura, e per la sua importante ricaduta economica sul territorio, nonché della valorizzazione dello storico legame tra Gonzaga e il metodo Montessori.


Right Menu Icon

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi